Sei caduta

Sei caduta.

Salivi. E sei caduta.

Ti arrampicavi. E sei caduta.

Ti appendevi. E sei caduta.

Ti attaccavi. E sei caduta.

Sei caduta.

Ti raggiungo. Ti guardo. Mi fissi con gli occhi lucidi. Vorresti dirmi qualcosa. Vorresti scoppiare.

Restiamo immobili. Mi viene da ridere. Ti tendo la mano. La guardi schifata.

Mi guardi con odio. Già sai cosa penso.

Ritiro la mano. Guardo lontano.

Sei caduta.

Cazzi tuoi.

Immagine

Ripida collina

Immagine

Non è alta, è ripida.

I suoi fianchi sono ricoperti d’erba verde,

sotto il morbido tappeto roccia dura.

In cima un uomo vecchio

denigra chi arranca sui fianchi 

aggrappato ai fili d’erba.

Non ricorda quando arrancava

per salire anch’egli in cima

e adesso sputa sui suoi simili.

Strappa l’erba, 

è più difficile il percorso.

Una mano lo afferra,

lo scalza

lo getta nel vuoto.

Un uomo nuovo prende il suo posto.

E sputa sui suoi simili.