Serra San Bruno – cronache delle ferie – giorno 11

San Bruno andò in Calabria intorno all’anno mille. In mezzo alle montagne, sperduto dagli uomini e dal mondo, trovò una “fresca fontanella” e decise di ritirarsi in preghiera e in meditazione.

Ecco le sue parole:

« Della sua amenità, del suo clima mite e sano, della pianura vasta e piacevole che si estende per lungo tratto tra i monti, con le sue verdeggianti praterie e i suoi floridi pascoli, che cosa potrei dirti in maniera adeguata? Chi descriverà in modo consono l’aspetto delle colline che dolcemente si vanno innalzando da tutte le parti, il recesso delle ombrose valli, con la piacevole ricchezza di fiumi, di ruscelli e di sorgenti? Né mancano orti irrigati, né alberi da frutto svariati e fertili. »
(San Bruno, Lettera a Rodolfo il Verde, 1097)
santa maria bosco serra san bruno

Chiesa di S. Maria del bosco

 

tomba san bruno

Tomba di San Bruno

 

Eddy visione preghiera santo

Eddy ha avuto una visione

In questo posto nacque un paesello che oggi si chiama Serra San Bruno, a metà strada dai due mari calabresi. Oggi siamo stati in questi luoghi ameni, il clima era piacevole e le fontane e i ruscelli ti facevano venire voglia di ritrovare te stesso con la meditazione e il ritiro dal mondo.

Sotto una bella fontanella fresca ho messo la testa per rinfrescarmi le idee e per purificarmi l’anima. Per 3-4 minuti ci ho creduto.

Buona estate

 

Il mare – cronache delle ferie – giorno 8

Mattina in spiaggia. Ci troviamo a Calalunga, frazione di Montauro. Dal paesino di Montepaone Superiore impieghiamo dieci minuti per raggiungere questo luogo stupendo.

Vi invito a venire a visitare questo angolo di Calabria. L’ideale per chi cerca sapori genuini, relax e mare bellissimo.

Oggi lascio parlare le immagini.

calalunga

Calalonga

mare calalunga

Mare di Calalunga

 

spiaggia calalunga

Mare cristallino

spiaggia calalunga

Lungomare di Calalunga

Buona estate

A3 on the road – cronache delle ferie – giorno 7

Si parte per la Calabria. La seconda parte delle ferie la trascorreremo a Montepaone, un piccolo borgo situato 20 chilometri a sud di Catanzaro, nel golfo di Squillace.

Il piccolo viaggio prevede: A3 fino a Lamezia Terme, da Lamezia si attraversa la Calabria, si lascia il Tirreno e ci si affaccia sul Mar Jonio. Si lambisce Catanzaro e poi sulla SS106 Ionica fino a Montepaone. Ma prima dobbiamo affrontare la SALERNO – REGGIO CALABRIA, l’emblema dei lavori all’italiana,dei cantieri infiniti, dello spreco di denaro, delle infiltrazioni mafiose, del magna-magna, delle code a motore spento, dei tratti a una corsia.

salerno reggio calabria

Salerno – Reggio Calabria – E45

Percorriamo il tratto di A3 da Napoli a Lamezia Terme. Fino a Salerno l’autostrada è a pedaggio, gestita da Autostrade Meridionali SPA, da Salerno a Reggio C. la gestione passa all’ANAS e il pedaggio non si paga più.

La situazione dei lavori di ammodernamento è molto migliorata rispetto a qualche anno fa. Il super cantiere di 30km in cui eravamo costretti su un unica corsia a 60km/h è finalmente chiuso. Resta solo un piccolo tratto in costruzione tra Lagonegro e Lauria. Forse entro il prossimo anno l’autostrada sarà tutta (fino a Lamezia) percorribile in “normalità”. Il lavoro di ammodernamento e ampliamento in realtà in alcuni tratti ha portato ad una vera e propria ricostruzione dell’autostrada, a causa dell’orografia della zona. Un’opera titanica.

galleria autostrada

Galleria – lavori terminati

Dopo aver attraversato l’Appennino nei pressi di Cosenza, alla fine di una lunga discesa, ci si trova di fronte ad uno spettacolo che ripaga di tutte le fatiche: il mare. Sulla destra (andando verso sud) si vedono le spiagge di Amantea e di Falerna. Potete aprire il finestrino e respirare l’odore del mare.

calabria

Calabria

Noi siamo arrivati, a Lamezia Terme prendiamo il raccordo per Catanzaro e poi la 106 verso sud. Pochi minuti e siamo a casa a Montepaone. Ma questa è materia per domani.

Buona estate