Il Cimitero delle Fontanelle – cronache delle ferie – giorno 5

Stamattina, quasi per caso, abbiamo attraversato il rione Sanità, uno dei quartieri più popolari di Napoli. Da qualche anno è aperto al pubblico, dopo decenni di abbandono, il Cimitero delle Fontanelle.

cimitero fontanelle

‘O campusanto d’ ‘e Funtanelle

Questo luogo riassume il concetto che i napoletani hanno (o forse avevano) della morte: non la fine, non qualcosa da nascondere con la sepoltura ma la continuazione della vita in un’altra dimensione. Qui sono infatti ben visibili, ordinati, decine di migliaia di teschi e ossa. Essi risalgono a varie epoche. Qui furono sepolti i morti di peste del ‘600, i morti di colera delle varie epidemie del XIX secolo ma anche alcuni resti trovati durante la risistemazione di via Acton di inizio ‘900 e altri morti ritrovati in varie parti della città. Non hanno nome, qui i morti sono tutti uguali. Forse Totò si ispirò a questo luogo per scrivere “‘a livella”: la morte rende tutti uguali, nobili, principi e pezzenti qui sono appoggiati l’uno accanto all’altro.

teschi femori

Teschi e femori

teschi femori

Ossa ordinate e accatastate

In questo cimitero si svolgeva il culto delle “anime pezzentelle”. Le persone che volevano chiedere una grazia “adottavano” un teschio, lo pulivano e lo sistemavano in una teca. Se le grazie venivano concesse, l’anima veniva “rinfrescata” con fiori, sigarette, lucidature. Se le grazie tardavano ad arrivare il teschio veniva riportato nell’anonimato e ne veniva adottato un altro.

anima pezzentella

Teschi “adottati”

teschi anime pezzentelle

teche con teschi

adozione anime pezzentelle

un’adozione “di lusso”

Tra le decine di migliaia di teschi alcuni godono di un’attenzione particolare. Il “Capitano”, ad esempio, è un teschio a cui una sposa si era rivolta per ricevere la grazia di trovare un marito. Il Capitano l’aveva esaudita ma lo sposo era arrogante e derideva l’anima del Capitano al punto tale da infilzargli un occhio con il bastone. Il giorno delle nozze un uomo in tenuta militare si presentò al ricevimento. Aveva l’occhio bendato e, alla richiesta degli sposi di dire chi fosse, aprì la giubba della divisa mostrando le ossa e facendo morire d’infarto i due sposi. “Concetta” invece è un teschio che “suda”. Concetta è lucida mentre tutti gli altri teschi sono impolverati. Si dice che il sudore rappresenti la fatica che fanno le anime del purgatorio a purificarsi dei loro peccati.

concetta

Concetta, la “capa” lucida

La visita al Cimitero delle Fontanelle induce i visitatori a pensare alla morte. Superato lo sbigottimento iniziale nel vedere tante ossa umane si possono fare quelle riflessioni sulla morte che di solito si fanno quando si visita un cimitero. Solo che qui la riflessione è più profonda, il contatto con la morte è più vero, intimo, interno.

Qui si arriva davvero all’osso della questione.

buona estate

pace

Ho provato a cambiare città, da ovest a est; da nord a sud. Dieci volte, come fuggendo da qualcosa, cercando di trovare la pace. La pace che manca dentro di me e fuori. Poi ho capito. La pace non esiste, gli uomini non la vogliono. Gli uomini sono cattivi. In ogni angolo della Terra gli uomini sono malvagi. Pace in terra agli uomini di buona volontà. Non ci sono più uomini di buona volontà. Sono stati uccisi da chi getta via la pace per perseguire i propri interessi, hanno tagliato loro la testa appena questi sono spuntati dalla terra, dal grembo materno.

Un bambino faceva la fila per comprare il pane. Bombe con gas venefico. Tragedia.

Giovani cercavano un lavoro come poliziotti. Un kamikaze schiacciò il bottone. Sangue sui muri.

Un ragazzo entrò in auto per tornare a casa. Due killer lo crivellarono di proiettili scambiandolo per un altro. Cervello sui finestrini.

Una famiglia cenava come tutte le sere. Bombe al fosforo. Orrore.

Un uomo prese il bambino dalle braccia della madre e lo gettò nel fiume. Follia.

Una ragazza scomparsa, trovata morta. Un ragazzo scomparso, trovato morto. Un’altra ragazza, uccisa e sepolta. Bambini mai più ritrovati.

La striscia di Gaza, l’Afganistan, il Darfur, l’Iraq, la Siria, e quanti posti di cui non sappiamo neanche l’esistenza. I musulmani contro i cristiani, i cristiani contro i musulmani. Il mio dio è più bello del tuo. Il tuo dio è violento, il mio è buono, quindi ti ammazzo, fai schifo. Voi non rispettate le donne, le coprite con i veli e non le fate guidare. Noi le donne le rispettiamo, non le violentiamo, non le ammazziamo. Voi venite dall’Africa, rubate nelle case, rubate il lavoro. Siete diversi, puzzate di sudore. Volete pregare il vostro dio? Andate a casa vostra. Qui si può pregare solo il nostro dio, che è tollerante e ci insegna l’amore e la pace fra tutti gli uomini.

Noi facciamo le guerre per imporre la pace e la libertà. Chi vi governa è un pazzo sanguinario, vi tiene soggiogati, non avete la libertà. Noi vi facciamo guerra, vi liberiamo, ammazziamo e umiliamo il vostro popolo. Ma poi, pace. Ma perché ci odiate? Abbiamo ammazzato i vostri figli ma adesso avete la libertà. Il vostro governo attuale ama la pace, non è così?

Duemila anni fa un uomo fece scalpore per il suo pensiero innovativo, predicava uguaglianza tra tutti gli uomini. Predicava l’amore ma uccisero anche lui. Una frase riassumeva tutto il suo pensiero: “ama il tuo prossimo come te stesso”. In duemila anni nessuno ha ancora capito. In duemila anni nessuno ha ancora imparato.

Immagine

foto della mostra “occhi della guerra”